España-sur

 Sevilla

 

 

Malaga - Valencia - Barcelona

 

 

Granada - Cordoba

 

“C'erano troppe cose nella vita di cui avevamo paura, ma non avremmo dovuto. Bisognava soltanto vivere.”  Ivo Andrić

Da una semplice citazione, da parte di  un’amica, di uno scrittore jugoslavo a una foto della  “mia” Marifé. Prima di questo viaggio settembrino in moto per l’Andalusia avevo paura, come non averne? Una paura imprecisata, vaga, nata forse dall’abitudine alle azioni ripetute e ormai certe o paura dello spostamento di questo ammasso di polvere  che sono in un angolo di universo lontano dal mio angolo ma poi si parte e lentamente mi accorgo che non aveva senso e che non avrei dovuto avere paura…bisognava soltanto vivere. A Siviglia, uscito dalle strade segnate sulle cartine pieghevoli degli ostelli, quelle in cui incontri il flusso compatto dei turisti in pantaloncini e scarpe comode, quelle per capirci costellate di ristoranti a menu fisso e negozietti di chincaglieria made in china, cambiando strada incontro questa vecchietta sorridente che mi saluta e mi attira con una domanda; è seduta sul davanzale di una finestra  dalle persiane chiuse al piano terra e sorride a tutti quelli che passano, salutandoli con parole gentili anche quando non li conosce. E allora parla ed è felice come una bambina a cui hanno regalato una nuova bambola perché capisco la sua lingua, le sue parole  e mi racconta di una Siviglia passata, di una donna bellissima che adesso ha 93 anni. L’ascolto e la guardo negli occhi  pensando che se esistono donne così, bisogna non avere paura di vivere. D’improvviso mi dice che desidera che le faccia una foto e che mi scriverà perché io possa spedirne una copia; e allora ecco ho scattato e ho preso un po’ della sua anima, spero solo che lei ne abbia presa un po’ della mia.

 

 

  

 

 

"Il libro dell'inquietudine" F. Pessoa

"E io sono così, futile e sensibile, capace di impulsi violenti e coinvolgenti; buoni e cattivi; nobili e vili; ma mai di un sentimento che perduri, mai di una emozione che continui e penetri nella sostanza dell’anima.

Tutto in me tende ad essere poi un’altra cosa: una impazienza dell’anima verso se stessa, come verso un bambino inopportuno; una inquietudine sempre crescente e sempre uguale.

Tutto mi interessa e nulla mi prende.

Seguo tutto sognando sempre; fisso le minime contrazioni del viso di colui con cui parlo, colgo le intonazioni millimetriche del suo modo di dire; ma nell’udirlo, non lo ascolto, penso ad un’altra cosa,  e quello che meno ho colto della conversazione è stata la nozione di ciò che è stato detto, da parte mia o da parte di colui con  cui ho parlato."